CHI SIAMO

Ci siamo incontrati molti anni fa. La comune strada di ricerca interiore e visione olistica dell’esistenza, la voglia di vivere con semplicità e serenità le nostre vicende quotidiane, ci hanno accomunati nel Progetto Liberi Viandanti. Realmente ci sentiamo come dei Viandanti, liberi di ricercare e percorrere le strade più adatte per realizzare il nostro Sogno, con una responsabilità e una consapevolezza intimamente mescolate con l’indispensabile senso del gioco.

Speriamo di riuscire nel nostro intento, impegnandoci con le nostre capacità, conoscenze e disponibilità a condividere con voi le esperienze che via via ci verranno offerte dalla vita.

Perché “Viandanti”?
[...] << Il viaggio, Simone, ricordati, è il crogiuolo nel quale il Maestro ci ha fatto prendere forma: più che con la pianta dei piedi, abbiamo camminato con l’anima sui sassi dei sentieri e dei deserti. Ogni zolla di terra che abbiamo calpestato si è impregnata dei nostri pensieri, del nostro amore in gestazione; ogni volta che abbiamo incrociato un uomo, era una scaglia del nostro egoismo che veniva a cadere. Oggi, il nostro viaggio è … sai bene cos’è. Non voglio farne un ritratto inadeguato, perchè nei nostri cuori Egli è forse ancora più presente di allora. Oggi se volessimo tacere restando aggrappati al perimetro di un campo o alla dolcezza di un tetto, non riusciremmo più a farlo … non credi?>>
Certo che lo credevo, sorella Myriam, e non soltanto lo credevo ma vedevo bene che in quella parte di noi che guardiamo tanto di rado c’era già una specie di fiaccola che cresceva, cresceva.
[...]
da “Le strade di un tempo – Memorie di un Esseno – Vol. 2°” di Anne e Daniel Meurois-Givaudan, Ed. Amrita

Gianmichele Ferrero, informazioni disponibili nella cartella “Link utili”
Serenella D’Ercole, informazioni disponibili nella cartella “Link utili”
Loredana Chilelli


La nostra storia

Il CESNUR ha pubblicato sul suo sito un interessante articolo che riporta brevemente la storia della nostra Associazione Liberi Viandanti® e alcune informazioni sulle altre due Associazioni che si occupano di Tradizione Spirituale andina in Italia. Lo citiamo per dare l’opportunità di conoscere come è nata Liberi Viandanti® e in quale contesto opera.

La famiglia Nuñez Del Prado
Tradizione spirituale andina – Kausay Puriy

L’antropologo peruviano Juan Nuñez Del Prado e il figlio Ivan, che si presentano come iniziati da maestri andini e collaboratori dei più importanti sacerdoti della vallata di Cuzco e della comunità di Q’ero (un villaggio a quattromila metri di altezza), diffondono anche in Italia tramite seminari, corsi – talora organizzati presso le sedi di diverse associazioni, su tutto il territorio nazionale – e viaggi in Perù un insegnamento raccolto in un corpo di conoscenze spirituali chiamato Kausay Puriy (in lingua quechua, “camminando nel cosmo vivente”). Con le radici nella tradizione spirituale andina e utilizzando alcuni concetti del pensiero junghiano, i Nuñez Del Prado spiegano che il cosmo è “Energia Vivente”: si tratta di riconoscerla e di collegarsi a essa nel modo più appropriato.

L’idea di energia è centrale in un insegnamento che prende in considerazione anzitutto la propria “bolla di energia”, che occorre imparare a gestire; la jucha, o “energia pesante” da trasformare tramite la tecnica juchamikuy; la benefica samiy o “energia sottile”, che va attinta dal cosmo tramite lo “strumento spirituale” chiamato saminchakuy per sperimentare livelli superiori di coscienza; e il saywachakuy, l’arte di innalzare e inviare colonne di samiy. La più importante pratica iniziatica è il Karpay Ayni,la Grande Iniziazione insegnata dal sacerdote andino Don Benito Qoriwaman (†1990) e dai sacerdoti indigeni di Q’ero, che avviene attraverso lo scambio di potere personale fra il maestro e il discepolo.

Fra le altre tecniche si sperimentano la forza dello yanantin (“alleanza fra i diversi”) e del masintin (“alleanza degli omologhi”) che migliorano le proprie relazioni; l’apertura degli ñawis, i centri energetici della percezione sottile, e l’estensione delle fasce di energia intorno a essi.

L’aggregazione informale Alleanza dei Liberi Viandanti ha condotto le proprie attività dalla prima metà degli anni 90, diffondendo la Tradizione spirituale andina e il Kausay Puriy. Fino al novembre 2002 i collaboratori Celso Bambi e Anna Fedele, con l’assistenza di Gianmichele Ferrero, hanno curato i corsi dei Nuñez Del Prado organizzando i viaggi in Perù di dieci giorni per la grande iniziazione dell’Hatun Karpay, i seminari di due giorni o di tre serate, i percorsi iniziatici nei siti sacri etruschi, che si affermano possedere “potenti similitudini energetiche con i luoghi sacri andini”, così che in essi è possibile sperimentare almeno i primi giorni dell’Hatun Karpay. Mentre Juan Nuñez Del Prado, nel 2002, ha costituito con Antonio Pala, Massimo Frera, Giovanni De Feo e Roberto Sarti una sua struttura in Italia per seguire in specifico l’organizzazione dei suoi corsi e viaggi, Liberi Viandanti ha continuato a esistere e operare, trasformandosi formalmente in Associazione nel gennaio 2003 per iniziativa di Celso Bambi, Ferrero Gianmichele, Serenella D’Ercole e Loredana Chilelli.

L’Associazione Liberi Viandanti, da cui Celso Bambi si è congedato nel 2004, ha continuato a diffondere gl’insegnamenti del Kausay Puriy, espandendo le proprie attività di ricerca e formazione nel campo metafisico, olistico e delle medicine integrate. Gianmichele Ferrero, mantenendo rapporti di collaborazione con la famiglia Del Prado e Murillo, ha proseguito a guidare i seminari e gli incontri della Tradizione spirituale andina. L’Associazione Liberi Viandanti si è segnalata per la diffusione delle conoscenze andine e la realizzazione di una fitta rete di collegamento tra centinaia di persone e di gruppi grazie al proprio originale sito Internet – il primo sull’argomento in Italia –, al newsgroup e all’impegno profuso negli incontri periodici condotti in località d’interesse energetico sul territorio nazionale, aperti anche ai praticanti di altri percorsi di ricerca e crescita interiore e a coloro che approcciano per la prima volta l’arte spirituale andina.

Parallelamente, dal 1998 esiste in Italia l’Associazione Wiraqocha, con stretti contatti con la Wiraqocha Foundation della nordamericana Elizabeth Jenkins, prima allieva di Juan Nuñez Del Prado e poi autonoma ricercatrice dell’arte spirituale andina e hawaiana. Concetta Esposito e Paola Ferraro, le due animatrici di Wiraqocha, conducono regolarmente corsi principalmente nell’area dell’Italia Nord-Est, seguendo gl’insegnamenti elaborati dalla Jenkins, e organizzano viaggi iniziatici in Perù. Tra le Associazioni Liberi Viandanti e Wiraqocha esiste un’ampia collaborazione.

L’Associazione Culturale Tawantin nasce dall’incontro delle intenzioni e energie di Juan Nuñez Del Prado e di suo figlio Ivan con quelle di Antonio Pala, Massimo Frera, Giovanni Feo e Roberto Sarti. L’organizzazione è strutturata in modo da rispondere alle esigenze di coordinare e organizzare i singoli seminari che Juan e Ivan Nuñez Del Prado tengono in tutta Italia; pianificare e programmare le attività da inserire nel calendario di Juan e Ivan Nuñez Del Prado, in relazione ai progetti di lavoro proposti dai responsabili dei singoli seminari pubblicizzare le attività seminariali; coordinare e organizzare seminari e incontri che, durante l’anno, vengono proposti per “continuare” nella pratica degl’insegnamenti ricevuti.

AVVERTENZA
“Liberi Viandanti®” è un marchio registrato di proprietà della Associazione Liberi Viandanti. Qualsiasi utilizzo del nome “Liberi Viandanti”  è vietato senza il permesso scritto dell’Associazione Liberi Viandanti. L’Associazione Liberi Viandanti si riserva di agire anche in sede legale per tutelare i propri diritti relativi al proprio nome e marchio nei confronti di soggetti privati o pubblici, Enti, Associazioni se ne approprino in modo fraudolento.